Cosa Vedere a Bassano Romano

Nel cuore della Bassa Tuscia si trova il piccolo e caratteristico borgo di Bassano Romano, a pochi chilometri dalla Via Cassia e vicina alla ben più nota cittadina di Sutri, con la quale condivide parte della storia.

Risalente all’anno 1000 circa, nacque da alcuni boscaioli che si stabilirono nella zona per lavorare il legno e il carbone. Nel corso dei secoli il villaggio si sviluppò sotto il dominio dello Stato Pontificio, inizialmente come dimora del signore di Sutri Enrico Serco. Fu grazie alla nobile famiglia dei Giustiniani che il paese si sviluppò notevolmente e venne eretto il meraviglioso palazzo, ricco di opere di grande valore, al cui interno è presente anche un piccolo ma importantissimo teatro.

Visitare Bassano Romano significa scoprire le bellezze custodite nel Palazzo Giustiniani ed il suo annesso giardino, conoscere le antiche chiese e passeggiare per le pittoresche vie del centro storico, scoprendo torri, edifici storici e stretti vicoli che durante le feste si riempono di persone in allegria.

Sono proprio le antiche tradizioni che animano il cuore di Bassano. La rievocazione storica dei Mercatini del ‘600, famosa in tutta la provincia, i festeggiamenti dei Santi Patroni e il Carnevale raccolgono centinaia di persone ad ogni occasione, ognuno dei quali non può far a meno di ammirare il borgo in tutto il suo splendore.
Ma Bassano non è fatto solo di storia e monumenti, ma anche di attività e persone che ogni giorno partecipano alla vita economica e sociale del paese. Artigiani, commercianti e piccoli imprenditori contribuiscono a mantenere vivo un paese che merita di essere scoperto.

Scopri tutti i monumenti di Bassano Romano

Borgo San Filippo Neri

Percorrendo Via Maria Giustiniani, la più antica del paese che attraversa il centro storico, si arriva ad una antica porta medievale. Da qui si entra nel Borgo San Filippo Neri, un insieme di abitazioni ed edifici voluti da Andrea Giustiniani nel XVII secolo. In quest’area con gli edifici dall’a- spetto particolare e compatto si possono ammirare diversi luoghi di interesse storico, come il Palazzo Savelli, l’Oratorio e la Chiesa di San Filippo Neri.

Borgo-San-Filippo-Bassano-Romano
Chiesa-San-Filippo-Neri-Bassano-Romano

Chiesa di San Filippo Neri

Alla fine del borgo di Bassano Romano trova posto una chiesetta dedicata a San Filippo Neri, sorta nella prima metà del ‘600, restaurata secoli dopo dai Giustiniani. All’interno vi sono quattro altari ornati da oggetti sacri, sui quali svetta un soffitto ligneo; nell’altare maggiore è conservata l’immagine della Madonna della Pietà. Sulle pareti si possono ammirare vari dipinti di pregevole fattura, alcuni copie di opere di Guido Reni.

Chiesa di San Gratiliano Martire

La Chiesa di San Gratiliano Martire fu eretta nel 1546 in onore del giovane martire che protesse il popolo di Bassano. L’interno a navata unica contiene diverse opere che rappresentano San Paolo con la spada e San Pietro con le chiavi; ai lati dell’abside la vita di San Gratiliano è raccontata tramite una serie di affreschi. E’ presente anche una veduta della chiesa, dipinta da un locale. Inizialmente in aperta campagna, oggi si trova all’interno della zona moderna del paese.

Chiesa-San-Gratiliano-Martire-Bassano-Romano
Chiesa-Santa-Maria-Monti-BN

Chiesa di Santa Maria dei Monti

La Chiesa di Santa Maria dei Monti fu edificata in posizione magnificamente panoramica nel XV secolo, probabilmente in onore della Vergine protettrice delle messi della comunità. Piccola ma accogliente, conserva nel suo interno resti di affreschi raffiguranti due personaggi dal nobile aspetto e nell’abside una Madonna con Bambino. Una tradizione, ancora rispettata, vuole che il 1° maggio di ogni anno, vi venga celebrata una Santa Messa a conclusione di una processione votiva che parte dalla Parrocchia e risale fino alla chiesetta. Un tempo il percorso processionale si articolava anche all’interno del parco del Palazzo Giustiniani-Odescalchi.

Chiesa di S.S. Maria Assunta in Cielo

Completata nel 1703 e adiacente al Palazzo Giustiniani, risalta per la sua facciata in pietra locale, decorata con un orologio e lo stemma della famiglia Giustiniani. All’interno, a navata unica, è possibile ammirare un organo del XVIII secolo, un coro del XIX secolo in legno dipinto e molti altri dipinti meravigliosi, tra cui spiccano la “Mater Dolorosa”, l’Assunzione della Vergine e la testa di San Gratiliano, reliquia di importanza unica per il paese.

Chiesa-SS-Maria-Assunta-Bassano-Romano
Chiesa-San-Vincenzo-Martire

Chiesa di San Vincenzo Martire

La Chiesa di San Vincenzo Martire, eretta su un colle panoramico, in posizione dominante su tutta la campagna circostante, fu voluta dal marchese Vincenzo Giustiniani come mausoleo di famiglia. Il tempio presenta una facciata monumentale, decorata con lesene, nicchie e cornici, ai lati due campanili ne completano lo sviluppo lineare. E’ coronata da una balaustra nel cui centro spicca un grande busto del Redentore, raffigurato con barba e veste drappeggiata, vagamente senatoriale. L’interno è a croce latina con copertura a botte sulla navata e sul transetto, e a cupola sul loro incrocio. Un dipinto di autore anonimo rappresenta la nascita del Redentore, mentre su quello del braccio sinistro è rappresentata l’incoronazione di San Vincenzo Martire. Nella cappella a destra del coro è conservata la statua del Cristo Portacroce o Cristo Redentore di Michelangelo Buonarroti.

L’Abate Padre Ildebrando Gregori creò intorno alla chiesa un monastero con annesso collegio per gli orfani di guerra. Oggi la struttura, ben organizzata ed attrezzata, viene utilizzata come centro di accoglienza, casa per ferie e luogo di ritiro per attività spirituali.

Il Teatrino di Villa Giustiniani

Una perla all’interno del Palazzo di Villa Giustiniani, il Teatrino fu voluto dalla famiglia Giustiniani per uso privato. Decorato con palchi in legno e coperto da una volta a padiglione sobria ed elegante, il teatro si trova nell’ala settentrionale del palazzo, posto ad un metro più in basso del piano terra e collegato direttamente alla corte e agli ambienti di servizio. Ristrutturato di recente dal Comune, il teatro contiene 90 posti a sedere e una illuminazione curata.

Teatro-Villa-Giustiniani-Bassano-Romano
La-Faggeta-Bassano-Romano

La Faggeta

Per raggiungere la Faggeta di Bassano Romano bisogna percorrere la strada che dal borgo si snoda nelle campagne si arriva a questo splendido bosco di faggi, che a solo 500 metri di altitudine si sviluppa per oltre 400 ettari creando un ambiente silenzioso e magico, dove una grande varietà di piante e animali (come la Rosalia alpina) hanno trovato il loro habitat. Qui è possibile pranzare, grazie all’area attrezzata con tavolini e barbecue, e rilassarsi immergendosi nella quiete e nella bellezza della natura.

L’Oratorio

Sede della Confraternita della Santissima Trinità, l’Oratorio ha una struttura a navata unica che nel XVII secolo venne ristrutturata assumendo l’aspetto attuale. Appena entrati si ha di fronte un affresco con veduta della piazza con due Santi e una Madonna in adorazione con angeli. Su una parete è possibile ammirare un maestoso stendardo in tela di Francesco Ciaci, mentre in basso a sinistra San Lorenzo con i confratelli e in alto la Santissima Trinità.

Oratorio-di-Bassano-Romano
Palazzo-Savelli-Bassano-Romano

Palazzo Savelli

Palazzo Savelli a Bassano Romano, anche detto palazzo pretorile, si affaccia in una delle graziose piazzette che spuntano nel centro storico, in quella che viene denominata “Puiarella” . Sui portali sono ancora visibili gli stemmi dei Savelli e degli Anguillara. In passato alcune sale del palazzo avevano svariati usi, ad esempio come magazzino, forno o carcere. Sotto di essi sono presenti piccole cantine dove veniva conservato il vino; ancora oggi sono utilizzate.

Statua del Cristo Portacroce

Inizialmente attribuita ad un anonimo, dopo lunghi studi è stato accertato che la statua venne scolpita da Michelangelo, il quale ad opera quasi ultimata decise di abbandonarla per un piccolo difetto nel marmo, lasciandola quindi incompiuta. Venne scoperta dal marchese Vincenzo Giustiniani, che la aggiunse alla sua collezione all’interno del palazzo di Bassano. Ad oggi la statua è conservata all’interno del Monastero di San Vincenzo.

Statua-Cristo-Redentore-Bassano-Romano
Via-Maria-Giustiniani-Bassano-Romano

Via Maria Giustiniani

Dalla Piazza del Comune al termine del borgo si snoda la più antica delle vie del paese, Via Maria Giustiniani. Essa collegava anticamente le due porte, quella di piazza e quella di accesso al borgo medievale. Percorrendola si possono scoprire i piccoli vicoli del centro storico, decorati qua e là da alcuni stemmi e rilievi particolari, tra cui spicca una immagine di porcellana della Vergine posta in una teca sotto l’arco di porta.

Villa Giustiniani

Edificato nel Medioevo, il palazzo di Villa Giustiniani assunse l’aspetto attuale nel XVII secolo grazie alla famiglia dei Giustiniani. Dalla forma rettangolare e dall’aspetto grigio e massiccio, presenta quattro teste marmoree risalenti al II secolo d.C. che fiancheggiano il portale in pietra locale. All’interno si possono ammirare eleganti saloni, riccamente decorati con rilievi e affreschi di artisti noti. All’esterno, un ponte superiore collega il palazzo al parco e ai giardini all’italiana.

Villa-Giustiniani-Bassano-Romano

La Guida Multimediale di Bassano Romano

Bassano Romano Borgosmart è la Guida Multimediale per scoprire tutte le bellezze di Bassano Romano.

Attraverso la Guida Multimediale potrai conoscere la storia, le tradizioni e gli eventi che caratterizzano il comune di Bassano Romano. Gustare i piatti tipici della tradizione nei ristoranti, le pizzerie e le taverne presenti. Soggiornare nelle migliori strutture ricettive del territorio e conoscere tutti i negozi tipici dove gustare i prodotti tipici locali.

Con il patrocinio

Comune-Bassano-Romano-Logo

In collaborazione con

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi